I miei racconti … insoliti! … di tutto di più!


Lavori … “forzati”…

Sotto la minaccia di papà, mi ritrovo obbligato a raccontare per il blog. "Se non scrivi qualche cosa di decente, questa sera non esci!"  Uff… non sopporto le intimidazioni ma lui non scherza … mai!
 
 
… In questo fine settimana mi sono divertito un sacco. Ho abbandonato le stampelle da un po’ di tempo e nella camminata sono diventato una "scheggia". Per questo motivo mamma e papà mi lasciano uscire con i miei amici quasi tutte le sere, così posso divertirmi.
Sabato sera, siamo andati a casa dei Prevedello a fare una grigliata, una delle tante!
Non una grigliata qualunque, però, no no … una grigliata alla tedesca. C’erano un sacco di würstel, salsicce e addirittura un chilo e mezzo di lonza … verdure grigliate, arrosticini, … ammazza quanta roba buona … e … dimenticavo birra a volontà!
Ovviamente i cuochi in questa occasione sono stati papà e Mauro … ci sanno proprio fare con la brace.
Finita la cena Laura, Letizia ed io siamo andati a prendere un gelatone in paese … se continuo a fare questi tratti di strada così lunghi … la ciccia che ho messo su in questi ultimi mesi, andrà giù molto in fretta … o almeno lo spero. Quando siamo tornati a casa ci siamo fatti una partitina a Mario Kart, per la Wii; li sono proprio forte ma anche Laura non è proprio così male.
Ieri sera , invece, sono uscito con gli amici del campeggio, per mangiare un gelato. Quest’anno non ci sono potuto andare. Non importa sarà per l’anno prossimo, ovviamente sempre se il dottore me lo permetterà … lo spero proprio!!
Adesso invece sono appena tornato, sono andato a giocare all’Xbox360 da Riky, un amico. Quasi per incanto, non so come, abbiamo ritrovato il gusto di giocare con i Lego … miiii … da quanto tempo non ci giocavo. Abbiamo costruito un fortino per i Cowboy, poi un castello. Sarebbe stato bello poter costruire anche l’accampamento degli indiani o una nave pirata … ahah … ma aimè il tempo è volato e sono dovuto tornare a casa!


Accidenti mi hanno beccato!

Quello spione dell’Alex ha svelato il mio nascondiglio.
Non sa mai tenere la bocca cucita.
Ero da lui a Morengo a sguazzare come un papero nella sua nuova splendida piscina. Acqua azzurra a 29°. Mi sono divertito un sacco con mia sorella, Giorgio, Alex e tutta la sua combriccola. Ho conosciuto nuovi amici, molto simpatici. Abbiamo giocato in piscina a pallavolo improvvisando una rete con un nastro. Quante energie ho sprecato. Come non dire che dalla Fiore ho mangiato a volontà! Lei è un’abile cuoca. Ho messo un filo di "pancetta".

Dalla nonna Giulia, quest’anno mi sono un po’ annoiato perché mi mancavano gli amici di Venegono con cui uscire alla sera. Non che la nonna mi ha mai fatto mancare nulla, anzi, lei era fin troppo premurosa e qualche volta mi impediva di fare quello che desideravo. Ma si sa le nonne sono fatte così!

Ora sono tornato a casa in quel di Venegono con Alice ,mamma e papà che sono in ferie. Mi sto preparando per la mia nuova avventura scolastica. Siamo andati a comprare il necessario: cartella, diario, astuccio, quaderni, penne … ammazza quanti soldi abbiamo speso.
Ho preso una cartella "merdosa", obbligato da papà e mamma! Con le ruotine … un trolley … per aiutarmi a trasportare i libri pesanti. Io non la volevo ma hanno insistito così tanto che alla fine sono "schiantato" e ho lasciato decidere a loro!
Non mi è rimasto che scegliere il colore; almeno quello!
 
A dimenticavo … mi sono ricresciuti i capelli!
 
 

L’Arsenio Lupin del varesotto …

Tutti lo cercano. Tutti frugano nei siti più stravaganti alla ricerca del Paolino. Nessuno però è riuscito ancora a trovarlo. Nemmeno io!
Si narra sia in quel di Bergamo. Ma nemmeno li si ha conferma della sua presenza. I nonni Giulia e Angelo dicono di averlo visto di "sfuggita" qualche giorno fa. Anche zia Pamy ha cercato di acciuffarlo nella sua piscina.
 

E’ l’Arsenio Lupin del varesotto … amante delle donne, del gioco, del lusso e chiaramente … del denaro. È un abile trasformista capace di truccarsi e travestirsi secondo le occasioni. Lo hanno visto più volte in costume tuffarsi nelle piscine dei ricchi benestanti della bergamasca nelle tarde ore del giorno ma preferibilmente oltre la mezzanotte.

Prosegui la lettura »