I miei racconti … insoliti! … di tutto di più!


Auguri per un Buon 2009 …

Quest’anno stà per finire e sapete tutti che non lo ricorderò con molto piacere.

Prosegui la lettura »


Ho la connesioneeeeee!!!!!!

Ma vieni sono connesso! E adesso faccio il "matto" … con il computer!
Questa mattina ho fatto la fisio … che fatica. La fisioterapista è una veramente tosta, mi ha strapazzato ma con dolcezza. Mi ha fatto fare moltissimi esercizi per tornare a muovere il ginocchio. Ho camminato e mi è sembrato di essere un bambino ai suoi primi passi. Che emozione! Mi ha detto che ci vorranno più o meno, 3 mesi di duro lavoro per cominciare a camminare un pochino meglio. se faccio bene i conti, quando avrò finito anche la chemio-terapia, verso giugno – luglio, se mi impegno, sarò pronto per poter correre e giocare felicemente con i miei compagni come una volta. Un giorno di qualche mese fa, avevo chiesto a mio papà che avrei desiderato un giorno di poter correre su un bellissimo prato verde. Ecco che il mio desiderio si sta quasi per avverare … e si avvererà sicuramente! Contateci!

 

Prosegui la lettura »


Il giorno speciale

Ho aspettato per molto tempo questo giorno e finalmente oggi ho incontrato Elisa, Anna, Mina e Claudio di Villarbasse. Li ho conosciuti grazie al blog, abbiamo chiacchierato per molte serate in chat, poi le videochiamate e oggi l’incontro. Mina e Claudio sono delle persone speciali, Elisa e Anna anche. Purtroppo noi ragazzi abbiamo il difetto di essere timidi e per questo oggi abbiamo fatto quasi scena muta. Avrei voluto dire molte cose invece … niente. Mi sono tenuto tutto dentro. Ci siamo scambiati i regali di Natale e mi sono piaciuti moltissimo. Siamo andati a pranzare tutti insieme al ristorante e abbiamo fatto l’ennesima abbuffata.
Povera la nostra linea!!!
 
Ora mamma sta preparando le valige, perché domani mattina presto partiremo per il Gaetano Pini. Inizierò la chinesi-terapia per riabilitare il mio SUPER GINOCCHIO. Mio papà mi ha dato un nuovo soprannome, oggi sono il Tenente Kojak, dato che questa sera ho dovuto tagliare completamente i capelli perché iniziavano a cadere per colpa dell’adriamicina, l’ultima chemio. Ho la testa liscia come la pelle di un’anguilla e vedo un futuro da barbiere per mio padre … figaro … figaro … figarooooo….

Prosegui la lettura »


Un Natale un po’ isolito

Questo Natale, è stato un Natale po’ insolito. Sono andato come da tradizione alla Messa di mezzanotte, ma questa volta, in carrozzina e avevo un posto tutto mio. La chiesa stranamente non era super affollata. Al termine della Messa, verso la 1, siamo usciti dalla chiesa che era avvolta nella nebbia, faceva un gran freddo. Abbiamo stretto i denti e la golosità ha avuto il sopravvento. Eh si, perché il profumo del cotechino e del vin brulé ci ha attirato verso il presepe dove abbiamo mangiato e bevuto.

Prosegui la lettura »


Auguro un felice Natale a tutti!


Anche oggi un’altra giornata passata sul divano aspettando che i miei valori si "ripiglino". Ieri mi hanno tolto il gesso, dopo 40 giorni, il mio ginocchio ora, è immobilizzato da una ginocchiera chiamata "donjoy", un intreccio di elastici che bloccano la mia articolazione. Il prossimo ricovero è previsto il 29 dicembre al Gaetano Pini, per iniziare la Chinesi-terapia. Oggi per qualche ora ho temuto di dover essere ricoverato all’Istituto dei Tumori per un nuovo ciclo di chemio e di passare lì il veglione di capodanno. Spero di poter brindare insieme alla mia famiglia a casa, invece che con i dottori e gli infermieri.
Questa notte, andrò alla Santa Messa per partecipare alla nascita di Gesù. Quando torneremo a casa, se non sarò troppo stanco, scambierò i regali con i miei genitori e scarterò i numerosi pacchetti ricevuti.

 

Prosegui la lettura »


Finalmente in vacanza …

Sono in vacanza, alla mattina potrei dormire un po’ di più e invece Super Albertina mi aspetta con il solito ago per il prelievo. Questa mattina faceva un freddo biscia, le dita scoperte "nel gesso" erano ridotte quasi come dei ghiaccioli. Io e mio papà, poi, siamo andati a fare una super colazione in pasticceria. Non faccio il nome per non fare pubblicità occulta … dal Buosi, a Venegono Superiore, vicino alla stazione. Lì pensavo di trovare Mary e Samu, ma quando gli abbiamo telefonato, erano ancora sotto la "calda pezza".
In tarda mattinata la dottoressa Barbatti ha comunicato a mio papà i risultati dell’esame. Sono ‘na schifezza!!! I globuli bianchi e i neutrofili sono in caduta libera, mentre le piastrine e l’emoglobina in leggerissima risalita. Ora mi aspetta un altro prelievo alla vigilia di Natale. Domani mattina andrò al Gaetano Pini per fare la medicazione della "Super Gamba". Sicuro che incontrerò il mio amico Antonio che mi ha rubato il posto letto! Per fortuna a Natale sarò a casa con la mia famiglia per scartare tutti i regali insieme a loro … come ogni anno!!! Questa è la sola notizia positiva di oggi, ma è la più bella che mi potevano comunicare!


Animo amigos …

Oggi è stata una giornata un po’ noiosa, trascorsa sul divano ad aspettare che i globuli bianchi e i neutrofili tornino alla normalità. In questi giorni, purtroppo, sono a rischio di contagio e quindi sono stato costretto a dire molti NO a chi voleva venire a trovarmi.

Prosegui la lettura »


La grandezza del “www” … world-wide-web!!!

Hola amigos … accipicchia ora mi tocca imparare lo spagnolo. Speriamo solo quello!!! Da 2 giorni il mio blog ribolle di commenti.

Prosegui la lettura »


Il risveglio del blog …

Questa mattina, sveglia alle 7.00, per recarmi all’ospedale di Tradate dove mi aspetta, con siringa, laccio emostatico e provette, Albertina, la mia infermiera preferita. Non è la prima volta che mi "buca" per un prelievo di sangue per i soliti controlli ematici. Sono tornato a casa dove mi aspettava Francesca, mia cugina. In tarda mattinata ho fatto un’oretta di geografia con la prof. Bianchi.
 
Ma è nel pomeriggio che succede il fattaccio … In effetti qualche giorno fa sono stato intervistato dalla mamma di un mio compagno, che fa la giornalista e scrive per diversi giornali. Varese News, un giornale online, ha pubblicato la mia storia. Improvvisamente il blog ha cominciato a brulicare come un formicaio. Il contavisite, impazzito, segnalava numeri a 2 cifre. Tante persone sono entrate, contemporaneamente, a visitare il blog e mi hanno lasciato dei commenti carini. E’ scattato il tam-tam della notizia e siamo stati contattati da altri giornalisti. Quasi sicuramente domani "la mia storia" sarà pubblicata sul Corriere della Sera. Anche Avvenire e Il Giorno, tra qualche giorno, faranno lo stesso. Mi è stato detto che il blog è carino ed è una buona idea che potrebbe essere utilizzata anche da altri ragazzi che hanno dei problemi come me.
 
Mi godo con orgoglio questa giornata speciale.


Viva la “Squola”!!!!

Dopo tanti giorni di riposo, si ritorna a scuola, "domiciliare" ma è sempre scuola … Oggi, giornata molto intensa. Sono venute alcune prof. per fare lezione. Ho fatto 2 ore di tecnologia, 1 ora di letteratura e al pomeriggio altre 2 ore di algebra. Ho dovuto lavorare sodo ma come inizio è stato abbastanza divertente e dato che sono un pochino arrugginito non è stato molto facile. Con la prof. Mascheroni, di tecnologia, ho disegnato 2 tavole e ho svolto le proiezioni ortogonali … ho un futuro da geometra! Sono proprio come il mio papà. Ihihih. Con la prof. Bianchi, di letteratura, abbiamo fatto il "Romanticismo", stranamente l’ho capito al volo … è puro caso o sto migliorando? Boh, non ci capisco più niente. Dopo aver fatto un buon rifornimento di hamburger al sugo, con la prof. Clerici, di matematica, ho fatto una fracca di esercizi. Domani mi aspetterà un’altra giornata di scuola, però un po’ più tranquilla. In fondo, un po’ mi mancava … la scuola. E pensare che non ci sono mai andato così volentieri, adesso che sono costretto a casa ne sento il bisogno e mi aiuta a trascorrere le giornate. A tutti i miei compagni di classe dico: <<Beati voi che ci andate!!!>> Sono sicuro che non la pensate come me!

Prosegui la lettura »


Finalmente a casa …

Finalmente riesco a scrivere qualche cosa, perché lì all’istituto non riuscivo ad entrare nel blog. Vi porto OTTIME notizie, perché dall’esame istologico risultano dati eccezionali. Più del 90% delle cellule tumorali, sono state annientate definitivamente. I dottori hanno detto che questo risultato è un caso molto confortante. Ed è per questo che sono felicissimo, perché ora mi mancano solo 9 cicli di chemio e … sul gradino più alto ci sarò io! Quest’anno però, probabilmente, dovrò passare il Natale e il Capodanno in ospedale … uffi che pizza!!! Speriamo che almeno per quelle date mi lasceranno andare a casa in permesso. Dovrò escogitare qualche cosa per poter passare le feste con i miei familiari. In camera con me, questa volta ho conosciuto Francesco, un ragazzo di 11 anni, della provincia di Varese. Sfortunato come me, forse più di me, perché ammalato di un tumore benigno al cervello, che lo ha reso cieco 3 anni fa e adesso lo sta immobilizzando a letto senza parlare. Ho provato molta tristezza nel vederlo in quello stato perché soffriva.
 

Il week-end …

Durante il fine settimana, mi sono divertito un mondo. Sono venuti i miei zii e i miei nonni di Bergamo, ovviamente c’erano anche le 2 "pesti", Alessia e Sophia, le mie cuginette, mi mettono sempre un’allegria che non vi potete immaginare. Mentre Sophia che ha solo 8 mesi, mi guarda con i suoi occhioni, Alessia che ha 20 mesi, trotterella per casa tutta spaesata, quando pronuncia il mio nome provo molta gioia. Con i nonni, zio Claudio e Milly, abbiamo mangiato una pizza tutti in compagnia, io ho mangiato sul divano, perché tutti in cucina non ci stavamo. Io da solo occupo "con la mia gamba" 3 posti. Poi è scesa la nebbia e hanno deciso che era meglio tornare a casa. Ieri invece sono venuti a trovarmi Pamy, Beppe e Alessia. Abbiamo fatto delle foto e spero che lo zio me le invii. Mentre eravamo a tavola, quando oramai eravamo già al dolce, con grande sorpresa, sono arrivati Mauro e Paola, dei nostri amici carissimi. Mi ha fatto molto piacere! Tant’è che oggi ci hanno invitato a mangiare polenta e brasato … slurp! Ho già l’acquolina in bocca. Oltretutto è un’occasione per poter uscire di casa, visto che con il gesso faccio fatica a spostarmi e devo restare il più possibile con la gamba orizzontale. Domani, invece, sveglia all’alba quando ancora il gallo sta sonnecchiando appollaiato sul suo trespolo, mi avvicinerò a lui zitto, zitto e gli urlerò nelle orecchie "chicchirichi". Si parte per Milano, dove mi attende una "pozione magica" di metotrexate, la cosiddetta "gialla". Mi fermerò, spero, per pochi giorni con il mio papà, mi auguro di star bene e di poter continuare anche da lì a raccontarvi le mie avventure.


Una giornata di scuola …

Questa mattina mi sono dovuto alzare alle 8.30 perché alle 9.30 sarebbe dovuta arrivare la prof. Bianchi, l’insegnante di lettere. Lavato e vestito, l’ho aspettata sul divano. Puntuale come sempre, è arrivata. Lei e la mia mamma hanno parlato 5 minuti del più e del meno e poi mamma è andata in posta. Abbiamo iniziato la lezione di grammatica. Abbiamo ripassato l’apposizione, che non mi vuole entrare in testa e mi ha spiegato il complemento oggetto. Finora mi è sembrato tutto semplice. Abbiamo fatto anche qualche esercizietto per verificare se avevo capito bene le regole. Una volta finito, mi ha dato un po’ di compiti e se devo dire la verità non sono neanche tanti. Poco dopo, finito grammatica, è suonato il campanello, il postino, la mamma non era ancora rientrata in casa e quindi era un bel problema; così gli ho chiesto di salire. Ha brontolato un pochino perché aveva poco tempo, ma se io fossi stato senza il gesso, sarei sceso senza problemi. Mi voleva far firmare un documento, ma essendo minorenne non l’ho voluto firmare. Quando se ne è andato via ha incontrato la mamma sulle scale e l’ha firmato lei. Io e la prof. abbiamo continuato con la nostra lezione  di storia. Una delle materie che odio di più, mi mette sonnolenza! Mi ha spiegato una ventina di pagine e ora le devo studiare per giovedì 11 Dicembre … spero di entrare all’ospedale, così non mi interroga!!! Verso le 11.30 è dovuta andare a scuola perché aveva lezione con i miei compagni. Verrà anche domani mattina e faremo geografia o antologia. Spero tanto che porti antologia, perchè quella materia mi piace!

Il 1° Tagliando …

Tanto per cambiare, questa mattina sono dovuto andare a Milano, al Pini, per il primo "tagliando" del mio super ginocchio. Dopo aver fatto il primo "km" ecco che scatta il controllo di revisione. Perucchini, l’ortopedico, mi apre il gesso come l’ovetto Kinder. Che sorpresa vedere che la gamba sembra essere in buono stato, cioè non proprio tutto come prima ma quasi. Il dottore ha preso il suo carrello per le medicazioni, ha cercato la pinza speciale e ha iniziato l’opera. Ha fatto "m’ama, non m’ama" con i miei punti rimasti. Ora li ha tolti tutti! (54 graffette). Dopo qualche secondo che ero disteso sul lettino, ho iniziato a sudare come un cammello dall’agitazione, non posso considerarla paura ma un po’ mi ha impressionato. Poi, una volta finito, mi ha medicato e mi ha rifasciato la gamba come una mummia, richiudendola nel gesso. Ora attendo di percorrere il mio "prossimo km" e martedì prossimo mi attende il prossimo "tagliando".